Usare il Suboxone per la depressione: Quanto è efficace?

La depressione è un problema di salute mentale comune negli Stati Uniti che colpisce milioni di persone ogni anno. Secondo l’Anxiety and Depression Association of America, il disturbo depressivo persistente (PPD), che è solo una forma di depressione, colpisce circa 3,3 milioni di americani.

La depressione è un problema complicato, ma è tipicamente trattabile con la terapia o con farmaci come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Tuttavia, alcuni casi di depressione sono resistenti ai metodi di trattamento tipici. Per trattare meglio la depressione, i ricercatori stanno guardando ad alcune fonti improbabili, tra cui un farmaco sorprendente. Il Suboxone è un’opzione farmacologica nel trattamento della dipendenza da oppioidi.

Questa fonte non ortodossa di sollievo dalla depressione è una fonte praticabile o non vale il rischio? Scopri di più su questo farmaco e su come potrebbe essere in grado di aiutare le persone con disturbi depressivi.

Che cos’è il Suboxone?

Il Suboxone è una miscela di due farmaci. Uno è un oppioide che attiva parzialmente i recettori degli oppioidi chiamato buprenorfina. L’altro è il naloxone, un antidoto salvavita contro l’overdose da oppioidi. Il farmaco è accuratamente progettato per trattare la dipendenza da oppioidi e l’assuefazione.

La buprenorfina fornisce una piccola dose di oppioidi alla persona che usa la mediazione. Questo aiuta a frenare le voglie e permette a una persona dipendente da oppioidi di evitare i fastidiosi sintomi di astinenza. Allo stesso tempo, la bassa dose non è sufficiente a causare intossicazione.

Il naloxone è inattivo quando il farmaco è preso per bocca come indicato. La sua struttura chimica rende difficile che raggiunga il flusso sanguigno con quel mezzo di somministrazione.

Tuttavia, se il Suboxone viene iniettato nelle vene nel tentativo di raggiungere uno sballo più potente, il naloxone entrerà nel flusso sanguigno e caccerà gli oppioidi dai loro recettori, mandando la persona in astinenza. Questo rende il farmaco difficile e sgradevole da abusare.

Il Suboxone ha dimostrato di essere un’opzione di trattamento efficace per la dipendenza da oppioidi. Gli studi hanno dimostrato che può migliorare la ritenzione del trattamento, ridurre l’uso di oppioidi e diminuire altri problemi associati alla dipendenza attiva da oppioidi.

Accanto alla terapia con Suboxone, i pazienti possono partecipare a sessioni di terapia individuale, di gruppo e familiare con medici specializzati in dipendenze. La combinazione di farmaci e opzioni tradizionali di terapia della dipendenza è chiamata terapia assistita da farmaci (MAT). La MAT è utile per le persone che sono state sottoposte a un trattamento per la dipendenza in precedenza e sono ricadute, perché il Suboxone può fornire un supporto extra per resistere alla compulsione all’uso.

Ma in che modo questo farmaco aiuta a trattare la depressione?

Perché il Suboxone potrebbe funzionare per la depressione?

Le persone che prendono il Suboxone per la dipendenza da oppioidi hanno notato che ha l’effetto aggiuntivo di alleviare i sintomi della depressione.

Secondo Richard Gracer, MD, in una newsletter pubblicata dalla National Alliance of Advocates for Buprenorphine Treatment (NAABT), alcuni pazienti dicono di non essersi mai sentiti meglio da quando hanno iniziato a usare la buprenorfina. Per capire il perché, aiuta ad imparare cosa fanno gli oppioidi e la buprenorfina nel cervello.

Gli oppioidi si legano ai recettori degli oppioidi del tuo corpo e li attivano. Ci sono diversi tipi di recettori oppioidi nel corpo. Gli oppioidi illeciti e da prescrizione si legano tipicamente ai recettori degli oppioidi mu e li attivano. Anche la buprenorfina si lega a questo recettore e lo attiva parzialmente.

Tuttavia, gli oppioidi bloccano anche un diverso recettore oppioide chiamato kappa. I recettori oppioidi kappa sono bloccati per un breve periodo dagli oppiacei come la morfina e l’eroina. Quando ci si ritira dagli oppioidi, il recettore kappa potrebbe diventare iperattivo, il che può essere collegato alla depressione.

Nella newsletter NAABT, il dottor Gracer ha detto: “Credo che l’attivazione del recettore kappa possa essere una causa importante di depressione in molte persone con problemi di abuso di sostanze, così come nella popolazione generale, anche senza la stimolazione extra dell’astinenza da oppiacei”.

Gracer teorizza anche che i pazienti che hanno la depressione e iniziano a prendere oppioidi per altri motivi notano la loro depressione scomparire, a volte per la prima volta nella loro vita. Questo potrebbe anche portare ad un maggior rischio di dipendenza da oppioidi.

Gli studi dimostrano che la dipendenza da oppioidi e i problemi di salute mentale hanno alti tassi di comorbidità. Anche la buprenorfina blocca i recettori kappa degli oppioidi, ma lo fa in modo molto più efficiente e per un periodo più lungo. L’idea è di usare la buprenorfina per bloccare intenzionalmente i recettori kappa sia nei pazienti dipendenti da oppioidi che nelle persone che soffrono di dipendenza.

I potenziali benefici del Suboxone per la depressione


Il Suboxone è un’opzione di trattamento unica che può essere efficace nelle persone che hanno provato altri approcci. È anche un trattamento che potrebbe essere ideale per le persone con problemi di doppia diagnosi che coinvolgono sia la dipendenza da oppioidi che la depressione. Come agonista parziale degli oppioidi, il farmaco può anche avere alcuni benefici per il miglioramento dell’umore in aggiunta alle sue capacità di blocco dei recettori kappa degli oppioidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button